Professione travel blogger: quali strumenti professionali mettere in valigia?


Cos’è un travel blogger

Prima di capire cosa mettere in valigia, potrebbe essere utile comprendere di cosa si occupa principalmente un travel blogger e quali sono le sfide che si può ritrovare ad affrontare durante i propri viaggi. Quello che per molti, a livello amatoriale, è un semplice hobby, per altri è oggi un vero e proprio mestiere a tempo pieno.
Il travel blogger rappresenta colui che si occupa di gestire un blog in cui pubblica le cronache e le foto dei propri viaggi in giro per il mondo. Può trattarsi di foto di paesaggi, dettagli o cibo, così come di ritrattismo e scatti di animali terrestri, volatili o acquatici.

Le foto che meglio riescono a catturare l’attenzione dei visitatori del blog sono quasi sempre quelle di elevata qualità, scattate con strumenti professionali. A seconda di ciò che si deve fare e del tipo di viaggio che si andrà ad affrontare o della sua lunghezza, potrebbero essere indispensabili strumenti come custodie protettive, ricambi per le batterie e molto altro ancora.

Attrezzatura fotografica specifica

Nella scelta della fotocamera si apre un mondo, ed è ovviamente l’elemento improrogabile da portare con sé. Non esiste un solo tipo di fotocamera, ovviamente.

  • Reflex

Chi ama la fotografia professionale potrebbe optare per una di queste, capace di garantire scatti di elevata qualità. Solitamente sono fra le più ingombranti, ma consentono di utilizzare un gran numero di obiettivi che si adattano a numerosi tipi di scatti, rendendola prestante ed estremamente versatile. Molto simili come qualità anche le cosiddette bridge, una combinazione fra una reflex e una compatta, dotate di obiettivo ottico.

  • Mirrorless

La scelta ideale per chi desidera mantenere la flessibilità nell’uso degli obiettivi, in una fotocamera più piccola. L’assenza di uno specchio riflettente consente al corpo macchina misure decisamente più contenute e certi modelli non hanno nulla da invidiare alla qualità delle reflex.

  • Compatta

La fotocamera compatta è quella solitamente più economica, amata in particolare dai turisti e chi non desidera viaggiare con ingombranti macchine e obiettivi e preferisce un oggetto più leggero. La qualità è spesso inferiore, ovviamente, rispetto alle fotocamere professionali reflex o mirrorless e non garantisce molta flessibilità in determinati contesti.

  • Action cam

Celeberrima grazie alle GoPro, potrebbe costituire la scelta perfetta per chi vuole sia registrare filmati in alta qualità, che scattare foto senza pretese eccessive sul profilo delle funzionalità accessorie. In particolare, l’action cam è specializzata nelle riprese in movimento, subacquee, e risulta essere estremamente piccola e leggera.

La scelta può ricadere su una sola di queste o più d’una, con un buon abbinamento che consenta di avere grande possibilità d’azione in ogni situazione.

Uno smartphone come fotocamera alternativa

Ormai gli smartphone sono arrivati ad integrare fotocamere eccellenti anche di grandi marche e a sostituire così le fotocamere compatte, unendo le funzionalità alla comodità del telefono. Un esempio lampante è l’iPhone7, capace di realizzare registrazioni in 4k, foto fino a 12MP con numerose funzionalità. Si acquista ad un ottimo prezzo su secondlifephone.it.
La gestione dei file così ottenuti risulta inoltre più semplice sia per la pubblicazione immediata di foto, ad esempio sui social network, che per gli scatti e la loro conservazione.

Un buono smartphone può rappresentare dunque un investimento eccezionale per un travel blogger che può permettersi di risparmiare su fotocamere molto costose.
Esistono inoltre numerosi accessori che potenziano le possibilità offerte dagli smartphone, come piccole clip con lenti aggiuntive per foto macro, grandangolari, fish eye e così via.

Accessori essenziali per il travel blogger

In valigia, ovviamente, non possono mancare gli accessori. Anche in questo caso, la situazione può cambiare a seconda del tipo di fotocamera scelta e al tipo di viaggio e foto che si andranno a scattare. Se si finirà con effettuare molte foto paesaggistiche o a lunga esposizione, potrebbe essere fondamentale portare un cavalletto, sia piccolo e pieghevole che di dimensioni più importanti.

Obiettivi, custodie, piccoli kit per la pulizia rapida delle lenti possono diventare invece gli accessori fondamentali per le fotocamere reflex e le mirrorless. Da non dimenticare, poi, tutte quelle componenti utili anche nel caso di action cam e smartphone, come supporti vari e selfie stick o custodie ermetiche per le immersioni.
Un occhio di riguardo va anche ai cavi di ricarica o connessione tramite USB dei vari supporti.
Dimenticare qualcuno di questi accessori può significare dover sacrificare determinate foto o, peggio ancora, doverli ricomprare urgentemente una volta a destinazione sprecando tempo e denaro.

Tante schede di memoria

Fattore spesso sottovalutato dai travel blogger alle prime armi, le schede e i supporti di memoria possono rivelarsi indispensabili. Spesso, quando si scatta, specialmente se in elevata risoluzione e qualità, ci si ritrova davanti ad una mole di dati pesantissimi da gestire. Un viaggio ricco di mete, sorprese e attimi da immortalare potrebbe portare con sé centinaia di scatti da diversi MB di peso ciascuno e dunque intasare facilmente le memorie interne di fotocamere e smartphone o le schede di memoria ad essi connessi.
Meglio dunque portarsi qualche scorta libera per non perdere mai il momento. Le moderne schede di memoria come SD e MicroSD sono versatili, economiche e rapidissime da usare. In vendita esistono anche piccole custodie rigide per riporne diverse per volta in poco spazio, offrendo al contempo un’elevata resistenza agli urti.

Powerbank, batterie di scorta

Altro aspetto da non sottovalutare è quello del consumo energetico di ogni dispositivo, dalla fotocamera al telefono. A volte ci si ritrova infatti di fronte all’impossibilità di trovare una presa a cui connettersi rapidamente, e possedere un powerbank di portata adeguata può salvare non solo il viaggio ma anche aiutare notevolmente a mantenere attivo il proprio smartphone, sempre utile in caso di bisogno. Per le fotocamere possono essere utili delle batterie di scorta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *